Cortile d’onore di Palazzo Estense*
mercoledì 30 giugno, ore 20:45
Concerto a favore di
«Varese Aiuta» Fondo di Mutuo Soccorso e Solidale del Comune di Varese
Il Quintetto di fiati dell’Accademia Teatro alla Scala
Claudia Fernandez Alvarez, flauto
Giacomo Piccioni, oboe
Iacopo Carosella, clarinetto
Danilo Squillace, fagotto
Anna Sozzani, corno

Jacques Ibert
Trois pièces brèves

Anton Reicha
Quintetto n. 2

François Devienne
Trio op. 61 n. 5 [fl.cl.fg] - 

Edvard Grieg
Peer Gynt Suite op. 46 n. 1

Gioacchino Rossini
Quintetto n. 2

ingresso libero con prenotazione obbligatoria

*in caso di maltempo il concerto si terrà presso la Basilica di San Vittore
VARESE AIUTA
«Ogni anno l'Assessorato ai servizi sociali – dice l'assessore Roberto Molinari – sostiene la parte più fragile della popolazione di Varese e continuerà a farlo con ancora più forza anche in futuro. Ciò che ci lascia il coronavirus è l’esigenza di moltiplicare la nostra capacità d'aiuto verso le persone più fragili. La profonda crisi sanitaria ha prodotto pesanti conseguenze sul reddito di molte famiglie e avremo il compito di stare ancora più vicini ad ogni forma di disagio con modalità anche nuove, oltre al sostegno alle imprese ed al lavoro. Per questo lo spirito solidale di una città come Varese può davvero fare la differenza...».
Per donare:
IBAN IT65R0569610801000095004X02
Conto intestato a: conto di Mutuo Soccorso e Solidale del Comune di Varese
il quintetto di fiati dell'Accademia Teatro alla Scala
Il Quintetto di fiati dell’Accademia Teatro alla Scala nasce all’interno del Corso di perfezionamento per professori d’orchestra della Scuola scaligera, progetto formativo che accompagna giovani musicisti alla futura carriera professionale offrendo loro, nell’arco di un biennio, una preparazione completa sul repertorio sinfonico, operistico e di balletto. Il programma didattico prevede lezioni individuali di strumento, musica da camera e prove a sezioni, tenute dalle Prime Parti dell’Orchestra del Teatro alla Scala a cui si affianca un’intensa attività artistica, in Italia e all’estero, sotto la guida di alcuni fra i più autorevoli e rinomati direttori d’orchestra del mondo.
Gli allievi hanno l’opportunità di esibirsi in primis al Teatro alla Scala, che non solo li ospita annualmente per un’opera inserita nel cartellone, ma li impegna anche per alcune produzioni del Corpo di Ballo e per numerosi concerti.
Fra le opere e i balletti in scena al Teatro milanese fra il 2007 e il 2019 si annoverano Così fan tutte, Le nozze di Figaro, L’occasione fa il ladro, L’italiana in Algeri, Don Pasquale, La scala di seta, Sogno di una notte di mezza estate, Giselle, Onegin, Histoire de Manon, Il barbiere di Siviglia, Die Zauberflöte, Hänsel und Gretel, Alì Baba e i quaranta ladroni, Gianni Schicchi, Prima la musica e poi le parole, Rigoletto. A questi si aggiungono le opere del progetto “Grandi Spettacoli per Piccoli”, che dal 2014 propone noti titoli repertorio in versione ridotta per avvicinare bambini e ragazzi in età scolare al teatro musicale. Nel 2018 l’Orchestra ha accompagnato alla Scala la Compagnia di Ballo del Bol’šoj ne La Bayadère.
Numerosi i teatri, le società concertistiche e i festival di rilievo internazionale ove si è esibita l’Orchestra dell’Accademia: si citano il Teatro Bol’šoj di Mosca, Philarmonia di San Pietroburgo, Royal Opera House di Muscat, Harris Theatre di Chicago, Strathmore Hall di Washington, il Peter Norton Symphony Space di New York, il Clarice Smith Performing Arts Center dell’Università del Maryland, il Richardson Auditorium dell’Università di Princeton, La Fenice di Venezia, Teatro Massimo di Palermo, Teatro San Carlo di Napoli, Teatro Petruzzelli di Bari, Teatro Bellini di Catania, Auditorium Rai di Torino, Ravello Festival, Kissinger Sommer Festival e Wolfegger Festspiele.
Alla direzione si sono avvicendati artisti come Marc Albrecht, Giovanni Antonini, John Axelrod, Roland Böer, Paolo Carignani, David Coleman, Ottavio Dantone, Óliver Diaz, Placido Domingo, Gustavo Dudamel, Christoph Eschenbach, Vladimir Ivanovič Fedoseev, Iván Fischer, Ádám Fischer, Lawrence Foster, Marco Guidarini, Theodor Guschlbauer, Michael Halász, Manfred Honeck, Fabio Luisi, Susanna Mälkki, Michele Mariotti, Zubin Mehta, Pietro Mianiti, Gianandrea Noseda, Daniel Oren, Stefano Ranzani, Daniele Rustioni, Mikhail Tatarnikov, Yuri Temirkanov, Lorenzo Viotti, Massimo Zanetti e hanno collaborato solisti del calibro di David Fray, Herbie Hancock, Olga Kern, Lang Lang, Andrea Lucchesini, Miriam Prandi, Alessandro Taverna, Simon Trpčeski, Alexei Volodin, Giovanni Andrea Zanon.
Back to Top